Scienza

Come affronteremo gli asteroidi diretti verso la Terra?

Forse non lo sai, ma stiamo vivendo un’ondata di storie su un’imminente catastrofe globale.

Tuttavia, in un cambiamento rispetto ai resoconti di pandemie e cambiamenti climatici, questa catastrofe globale è prodotta dall’impatto di un asteroide gigante. O una cometa. O entrambi. Questo potrebbe sembrare più inquietante visti gli eventi nel recente film di Netflix Non guardare in alto, in cui la Terra è minacciata da un asteroide “assassino di pianeti”.

Ma quanto dovremmo essere davvero preoccupati e cosa accadrebbe se un corpo del genere ci colpisse davvero?

Secondo la mia esperienza, gli asteroidi killer tendono a colpire nei mesi estivi, quando le notizie sono scarse sul terreno. Forse siamo così stanchi di notizie tristi sulla diffusione della variante Omicron e dei suoi problemi associati che un asteroide (o una cometa) killer apporta un cambiamento rinfrescante.

Alcuni giornali britannici si sono rivolti a Nostradamus, l’astrologo del XVI secolo. Una coppia ha pubblicato storie alla fine del 2021 in cui il 2022 era l’anno in cui Nostradamus aveva previsto che il mondo sarebbe finito con un impatto gigantesco con un corpo dallo spazio. Questo gancio ha portato a tabulazioni di oggetti che potrebbero (o più probabilmente no) avvicinarsi alla Terra nel 2022.

La mia lista dei preferiti è stata pubblicata da Il Sole, che descriveva cinque asteroidi diretti verso la Terra nel solo mese di gennaio.

Il titolo spaventoso e la sua immagine di accompagnamento del nostro mondo in apparente pericolo è in qualche modo minato dalle frasi che seguono, in cui il giornale afferma che “tutte le previsioni [sic] gli asteroidi quest’anno passeranno dalla Terra di una distanza significativa e [it] è molto improbabile che colpiscano il nostro pianeta”. Abbiamo già perso (o ci siamo persi) i primi due asteroidi di questo elenco (YQ 2021 e YX 2021), che sono sfrecciati sulla Terra il 5 gennaio a distanze rispettivamente di 1,3 e 2,4 milioni di miglia.

No, non li ho notati nemmeno io – e studio gli asteroidi. Si prevede che altri tre asteroidi passeranno tra 1 e 5 milioni di miglia dalla Terra nei prossimi giorni, di dimensioni variabili da quella di un’auto a quella della Statua della Libertà. Quello che otterrà il più vicino sarà comunque quattro volte più lontano della luna, quindi non esattamente richiami ravvicinati.

“Non guardare in alto” è realistico?

Non guardare in alto è un’allegoria, che utilizza l’impatto catastrofico globale di un “assassino di pianeti” per rappresentare l’impatto catastrofico globale del cambiamento climatico. È una storia di corruzione, venalità e interessi politici e aziendali posti al di sopra della salute e del benessere dell’umanità. È anche molto divertente.

Senza svelare troppi spoiler, la trama si concentra su due astronomi (una studentessa laureata e il suo professore) che scoprono una cometa che entrerà in collisione con la Terra tra sei mesi. Cercano di dirlo alla presidente degli Stati Uniti (interpretata gloriosamente da Meryl Streep), ma lei è più preoccupata per le elezioni di medio termine.

Il film prende in giro la politica di destra statunitense, l’influenza delle donazioni ai partiti politici sulla politica (e sui politici), la crescente capacità della tecnologia moderna di raccogliere informazioni sulla salute, le abitudini e lo stile di vita e l’uso di tali informazioni da parte dei giganti della tecnologia .

Tuttavia, non prende in giro la scienza: la scoperta della cometa è (più o meno) realistica. Che è come dovrebbe essere, dal momento che Amy Mainzer, ricercatrice principale del programma di localizzazione di asteroidi Neowise della Nasa, era consulente scientifico della produzione. Nel film, gli astronomi riferiscono le loro scoperte all’Ufficio di Coordinamento della Difesa Planetaria, che, come mostra il film, è una vera e propria organizzazione gestita dalla Nasa.

Quindi il film è realistico? La Terra è stata colpita da grandi asteroidi in passato, motivo per cui oggi non ci sono enormi dinosauri che vagano per il pianeta. Ed è bombardato ogni giorno da tonnellate di polvere e meteoriti. È certo che in futuro verrà scritto un “assassino di pianeti” (sebbene si verifichi al massimo una volta ogni 50 milioni di anni) – e questo è preso molto più sul serio dai governi internazionali di quanto non venga mostrato nel film.

Esiste un protocollo ben collaudato per la segnalazione di nuovi asteroidi e comete, ed è così che sappiamo di quelli che sono passati vicino alla Terra questo mese.

Ci sono anche piani per mitigare, o preferibilmente evitare del tutto, le potenziali conseguenze di una collisione di un asteroide con la Terra. Questi in genere si basano sulla deviazione della rotta dell’asteroide, poiché cercare di abbatterlo all’ultimo minuto non è fattibile: ci vorrebbe troppa energia. Il lancio a novembre della missione Dart della Nasa, una spedizione di test tecnologici, aiuterà ulteriormente a far luce su come deviare al meglio gli asteroidi che minacciano la Terra.

Ma dove Non guardare in alto tocca un nervo scoperto è la mancanza di preparazione all’emergenza, se (quando) finalmente si verifica e i piani di mitigazione sono falliti. Qui torno alla sua funzione di allegoria del cambiamento climatico. Non esiste un piano B. Nel film, lo slogan “Don’t Look Up” è una negazione che una cometa in avvicinamento distruggerà il pianeta: è descritto come una fake news.

Ho pensato che fosse un grande film. È intrattenimento. Ma non è una fake news. Siamo una comunità globale e dobbiamo agire insieme.

Fonte: independent.co.uk

Articoli Correlati

Carica Altri Articoli Caricamento...Nessun altro articolo.