Italia

Due uomini detenuti in Italia per aggressioni sessuali di Capodanno a Milano

La polizia italiana ha arrestato due uomini accusati di essere coinvolti in una serie di aggressioni sessuali durante i festeggiamenti di Capodanno a Milano.

Abdallah Bouguedra, 21 anni, e Abdelrahman Ahmed Mahmoud Ibrahim, 18 anni, sono accusati di “gravi violenze sessuali accompagnate dal furto di cellulari e borse”, ha detto il procuratore di Milano, Riccardo Targetti.

I due sono stati tenuti in custodia perché esiste un “pericolo concreto” che cerchino di scappare, viste le gravi accuse contro di loro, ha aggiunto Targetti.

Si presume che fossero parte di una banda che ha aggredito sessualmente almeno nove donne durante i festeggiamenti davanti al Duomo di Milano in Piazza del Duomo. L’avvocato di Ibrahim ha detto che il suo cliente aveva detto alla polizia che era in piazza, ma ha negato qualsiasi coinvolgimento.

Martedì la polizia ha fatto irruzione nelle case di 18 sospetti, di cui tre di età inferiore ai 18 anni. Dodici persone sono attualmente indagate. La polizia ha detto che i sospetti sono stranieri o italiani di origine nordafricana.

Il caso ha suscitato paragoni con gli attacchi sessuali di massa e le rapine avvenute nella città tedesca di Colonia la notte di Capodanno del 2015-16.

Diverse donne, tra cui due tedesche in visita a Milano, si sono fatte avanti con i loro rapporti nei giorni successivi a Capodanno, con il numero che martedì è salito a nove. La polizia ritiene che più donne siano state aggredite.

Le donne hanno condiviso storie simili di essere state trascinate tra la folla, spinte e palpeggiate durante lo spettacolo pirotecnico. Una donna di 19 anni ha affermato di essere stata aggredita da una banda di giovani intorno all’1:30 del mattino e aggredita per circa un minuto prima che arrivassero i soccorsi. La sua amica è riuscita a scappare.

Un investigatore milanese ha raccontato al Corriere della Sera che le donne sono state «passate in giro come bambole di pezza» e in un caso «una [suspect] trattenne la vittima mentre l’altro la abusava”.

Le due donne tedesche hanno affermato di essere state spinte contro le barriere e aggredite sessualmente. Hanno presentato i loro rapporti dopo essere tornati in Germania.

Una giovane donna ha subito dei graffi quando il suo maglione si è strappato e i pantaloni si sono abbassati. È stata portata in ospedale dalla polizia per essere esaminata. Un altro è stato aggredito in una strada vicino alla piazza.

La polizia ha identificato i sospetti sulla base delle immagini delle telecamere a circuito chiuso, dei resoconti delle vittime e dei testimoni, nonché tramite l’analisi dei post sui social media.

Il sindaco di Milano, Giuseppe “Beppe” Sala, ha chiesto scusa alle donne, “anche a nome della città”.

Fonte: theguardian.com

Articoli Correlati

Carica Altri Articoli Caricamento...Nessun altro articolo.