Salute

Ivermectina: è davvero efficace contro il COVID-19?

Probabilmente hai sentito parlare dell’ivermectina, un farmaco noto per sbarazzarsi dei parassiti negli animali e negli esseri umani. Come altri argomenti relativi alla pandemia, questo farmaco un tempo oscuro è stato catapultato nella discussione globale perché… beh, le persone sono alla disperata ricerca di trattamenti che funzionino contro il COVID.

Mentre alcune ricerche nel 2020 hanno suggerito che l’ivermectina potrebbe essere utile contro COVID, quei risultati non hanno resistito al controllo scientifico, ha affermato il dottor Joseph Khabbaza, medico polmonare e di terapia intensiva presso la Cleveland Clinic in Ohio.

I primi studi sono stati condotti in piatti di coltura di laboratorio quando gli scienziati stavano testando praticamente qualsiasi cosa contro il virus che causa COVID, SARS-CoV-2. Tuttavia, solo perché un farmaco può uccidere un virus in un piatto di laboratorio non lo rende un trattamento sicuro o efficace per l’uomo, ha detto.

Alcune ricerche erano “molto imperfette o addirittura fraudolente”, ha osservato Khabbaza. “Quelli sono stati smascherati; tutti gli studi veramente buoni non hanno mostrato un beneficio. (Ecco uno sguardo approfondito a un importante studio sull’ivermectina con gravi difetti e incongruenze.)

Il verdetto finora è chiaro: l’ivermectina, sebbene sia ancora in fase di studio, “non si è rivelata efficace per la prevenzione del COVID-19 o per il trattamento dell’infezione acuta una volta che si è sviluppata”, ha detto Khabbaza.

Anche uno dei principali produttori del farmaco, Merck, ha affermato in una dichiarazione del 4 febbraio che non ci sono “prove significative” per suggerire che l’ivermectina funzioni per trattare o prevenire il COVID e che c’è stata “una preoccupante mancanza di dati sulla sicurezza nella maggior parte degli studi .”

Tuttavia, le persone sono diventate così convinte che l’ivermectina sia una “cura” economica e prontamente disponibile per COVID, continuano a prenderla contro tutti i consigli medici e il buon senso.

Le persone non hanno optato per questa strategia di trattamento sfatata da sole. La disinformazione COVID può essere trovata un po’ ovunque, specialmente su Facebook, Instagram e YouTube. L’uso dell’ivermectina è stato raccomandato da medici che promuovono cure fasulle e disinformazione sui vaccini, e il conduttore di podcast Joe Rogan, che ha milioni di ascoltatori, ha affermato di aver preso il farmaco per COVID, tra gli altri trattamenti.

Secondo i Centers for Disease Control and Prevention, le prescrizioni statunitensi per l’ivermectina sono aumentate di almeno 24 volte nel 2021, passando da 3.600 prescrizioni a settimana prima della pandemia a 88.000 prescrizioni a settimana ad agosto. Sono solo farmacie al dettaglio e forme orali del farmaco. Questi numeri non includono gli ordini per corrispondenza, i preparati per la pelle o le forme veterinarie di ivermectina.

Le persone hanno ingerito dosi potenzialmente tossiche e letali del farmaco destinate ad essere iniettate o versate su mucche, pecore o cavalli. La Food and Drug Administration ha persino fatto diventare virale un tweet ad agosto quando ha sottolineato che le persone non sono animali da fattoria.

Così tante persone si sono ammalate a causa del farmaco che le chiamate ai centri antiveleni per quanto riguarda l’ivermectina sono aumentate di cinque volte a luglio rispetto ai livelli prepandemici, secondo il CDC, e i funzionari della sanità pubblica del New Mexico hanno segnalato due possibili decessi legati al farmaco.

A causa della domanda, le persone che hanno bisogno di ivermectina per curare gli animali da fattoria hanno scoperto che scarseggia o che viene venduta su Amazon a livelli da sballo.

Sviluppata negli anni ’70, l’ivermectina è venduta con i marchi Stromectol, Soolantra e Sklice. È un farmaco antielmintico, il che significa che combatte i parassiti. Ad esempio, può essere trovato nei farmaci per la filariosi cardiopolmonare per cani.

Le filariosi cardiopolmonari sono parassiti lunghi un piede e potenzialmente pericolosi per la vita diffusi dalle zanzare che possono invadere il cuore, i polmoni e i vasi sanguigni di cani, gatti, furetti e altri animali.

Per l’uomo, l’ivermectina viene venduta in compresse o lozioni per il trattamento della rosacea, una condizione che può causare arrossamento del viso; scabbia, che sono acari microscopici e pruriginosi che a volte vengono trasmessi sessualmente; e pidocchi.

È anche un farmaco cruciale per il trattamento o la prevenzione dei vermi parassiti negli esseri umani, inclusa l’oncocercosi o la cecità fluviale, un’infezione devastante diffusa dalle mosche nere che può causare forte prurito, alterazioni della pelle sfiguranti e perdita permanente della vista.

Milioni di persone assumono ivermectina almeno una o due volte l’anno per combattere il parassita, una strategia che ha contribuito a eliminarlo in Colombia, Ecuador, Messico e Guatemala. Quasi tutti i casi sono ora in 31 paesi dell’Africa subsahariana. Più di 145 milioni di persone sono state curate in Africa nel 2017 secondo l’Organizzazione Mondiale della Sanità.

“L’ivermectina è un farmaco molto importante da un punto di vista mondiale”, ha affermato il dottor Scott Weisenberg, specialista in malattie infettive e professore associato di medicina presso la NYU Langone a New York.

Tuttavia, solo perché un farmaco è efficace contro un tipo di organismo, un parassita, non significa che funzioni contro altri, come il virus che causa il COVID.

“Le cose che uccidono i virus non uccidono i batteri, le cose che uccidono i batteri non uccidono i vermi, le cose che uccidono i vermi non finiscono per uccidere i virus”, ha affermato Arthur Caplan, direttore di etica medica presso la NYU Grossman School of Medicine.

Quali sono gli effetti collaterali dell’ivermectina?

Anche se tutti i farmaci hanno un potenziale effetto collaterale, i rischi di assumere un farmaco che uccide i parassiti possono essere più elevati di altri, ha affermato il dottor Waleed Javaid, epidemiologo e direttore della prevenzione e controllo delle infezioni al Mount Sinai Downtown di New York.

“Questi farmaci non sono tossici”, ha detto. “I parassiti sono grandi organismi, non sono microscopici. Puoi vederli – sono grandi vermi nella pancia – quindi solo a pensarci, i farmaci che li colpiscono devono essere più tossici dei farmaci che colpiscono batteri e virus, che sono molto più piccoli. Più grande è l’organismo che vuoi uccidere, di solito è necessario aumentare la dose e la tossicità”.

Qualsiasi farmaco assunto alla dose o alla formulazione errata può essere inefficace o addirittura pericoloso. Ecco perché l’assunzione di ivermectina destinata agli animali da fattoria, come il bestiame, che può pesare 1.500 libbre o più, può essere particolarmente dannosa.

Secondo il CDC, almeno una persona ha cercato di prevenire il COVID bevendo un tipo di ivermectina destinata ad essere iniettata nel bestiame. Finirono con confusione, allucinazioni, mancanza di respiro, tremori e sonnolenza.

“Il paziente si è ripreso dopo essere stato ricoverato in ospedale per nove giorni”, ha riferito il CDC.

Un’altra persona che aveva già il COVID ha preso compresse di ivermectina che ha acquistato su Internet e aveva uno “stato mentale alterato” e non poteva davvero rispondere alle domande o seguire i comandi. Sono migliorati dopo essere stati ricoverati in ospedale e hanno smesso di assumere ivermectina, secondo il CDC.

Se assunto a basse dosi e per condizioni che sono note per rispondere al farmaco, potrebbero esserci relativamente pochi o lievi effetti collaterali, come nausea, eruzione cutanea o prurito della pelle, ha detto Khabbaza.

Tuttavia, a dosi elevate, gli effetti collaterali “possono diventare davvero profondi”, ha detto.

I seguenti effetti collaterali e interazioni farmacologiche che possono verificarsi con ivermectina sono segni di tossicità da ivermectina, secondo il CDC:

  • Dolore addominale, nausea, vomito e diarrea
  • Vertigini
  • Bassa pressione sanguigna
  • Tachicardia (una frequenza cardiaca anormalmente veloce)
  • Male alla testa
  • Visione offuscata e allucinazioni visive
  • Confusione
  • Tremori e perdita di coordinazione ed equilibrio
  • Convulsioni
  • Depressione del sistema nervoso centrale, diminuzione della vigilanza e coma

L’ivermectina può anche essere pericolosa se miscelata con farmaci che possono anche sopprimere il sistema nervoso centrale, come le benzodiazepine e i barbiturici. A volte può aumentare il rischio di effetti collaterali nelle persone che assumono il warfarin, un farmaco anticoagulante.

Il CDC consiglia di chiamare la hotline per il controllo dei veleni (1-800-222-1222) e di cercare cure mediche immediate se hai assunto ivermectina e manifesti sintomi.

Trattamenti che funzionano davvero per il COVID

Ci sono altri trattamenti che possono aiutare i pazienti ospedalizzati che hanno COVID, ha detto Khabbaza. Alcuni sono a basso o nessun costo, incluso il farmaco steroideo desametasone, che viene utilizzato nella grave fase avanzata del COVID per aiutare a sopprimere la reazione eccessiva del sistema immunitario nota come tempesta di citochine.

Ulteriori trattamenti COVID sono il farmaco antivirale remdesivir, che viene utilizzato anche solo in persone abbastanza malate da essere ricoverate in ospedale, e gli anticorpi monoclonali, che possono aiutare i casi lievi o moderati. Gli anticorpi monoclonali possono essere utilizzati anche per aiutare a prevenire l’infezione nelle persone che sono state esposte al virus e sono ad alto rischio di ricovero o morte. Tuttavia, non è un sostituto della vaccinazione.

Il modo migliore per prevenire o ridurre il rischio di COVID è ancora vaccinarsi, ha affermato Khabbaza.

“Ci sono davvero una manciata di cose che si sono dimostrate un po’ utili, ma nulla ha dimostrato di essere il punto di svolta che speravamo”, ha detto Khabbaza. I vaccini sono “certamente la tua arma migliore e sono sempre stati per evitare di essere infettati”.

Gli esperti medici sottolineano che non c’è motivo di pensare che l’ivermectina sia in realtà un farmaco miracoloso non riconosciuto e che c’è una cospirazione per impedire alle persone di un trattamento efficace.

“Il fatto più importante per me è che il produttore dice di non usarlo – le persone che ne guadagneranno soldi stanno dicendo che non vogliono che tu prenda quel farmaco”, ha detto Caplan. “Questo per me è il messaggio più forte che puoi ottenere. Ho questo farmaco, posso venderlo letteralmente a decine di milioni di persone se funziona… ma non funziona, quindi non usarlo.”

Fonte: buzzfeednews.com

Articoli Correlati

Carica Altri Articoli Caricamento...Nessun altro articolo.