Scienza

La cultura degli scimpanzé “più simile agli esseri umani” di quanto si pensasse in precedenza, affermano i ricercatori

La cultura umana non è solo complessa, ma è anche cumulativa. Impariamo cose copiando membri più esperti o più anziani della nostra specie, ma nel corso delle generazioni le nostre abilità e tecnologie vengono tramandate e quindi diventano sempre più complesse e, di solito, più efficienti.

Questo di solito non è considerato lo stesso nel regno animale, dove i comportamenti possono essere appresi e, sebbene in alcuni casi possano essere tramandati, il più delle volte vengono riappresi dalle generazioni successive piuttosto che essere tramandati.

Ma una nuova ricerca suggerisce che questo potrebbe non essere il caso tra gli scimpanzé e la conoscenza cumulativa potrebbe essere un aspetto cruciale della cultura degli scimpanzé.

Uno dei comportamenti più sofisticati degli scimpanzé selvatici è lo schiacciare le noci. A Bossou, nel sud-est della Guinea, alcuni gruppi di scimpanzé che vivono nella zona sono noti per l’utilizzo di un martello di pietra e di un set di strumenti a incudine che usano per aprire le noci della palma da olio.

I ricercatori dell’Università di Zurigo hanno ora utilizzato esperimenti sul campo che suggeriscono che questo tipo di utilizzo di strumenti complessi e di risoluzione dei problemi non può essere semplicemente sviluppato in modo indipendente da scimpanzé che non hanno familiarità con il concetto di schiacciare le noci.

Guidato dalla professoressa dell’UZH Kathelijne Koops, il team ha condotto quattro esperimenti con scimpanzé selvatici, anche in Guinea: in primo luogo, agli scimpanzé sono stati presentati noci e pietre di palma da olio. Successivamente, i ricercatori hanno aggiunto un frutto di palma alla configurazione sperimentale. Nel terzo esperimento, le noci sono state aperte e poste sopra le pietre. E infine, agli scimpanzé è stata presentata un’altra specie di noci più facili da rompere, chiamate coulas, insieme a pietre.

In sostanza, gli scimpanzé non sapevano cosa fare per accedere alle noci e, anche dopo più di un anno, i 35 gruppi di scimpanzé che sono stati esposti ai materiali non avevano escogitato un metodo per accedere alle noci.

I ricercatori hanno detto che dei 35 gruppi in visita, 11 di loro hanno ispezionato da vicino noci e pietre.

Hanno detto che gli scimpanzé erano più propensi a esplorare gli esperimenti quando si trovavano in feste più grandi, ma ciò nonostante, non hanno iniziato a sperimentare con molto successo.

Solo una femmina di scimpanzé è stata osservata mangiare dal frutto della palma, ma in nessuna occasione gli scimpanzé si sono spezzati o hanno mangiato né la palma da olio né le noci di coula, hanno detto i ricercatori.

“I nostri risultati suggeriscono che gli scimpanzé acquisiscono comportamenti culturali più simili agli umani e non si limitano a inventare uno strumento complesso, utilizzano comportamenti come schiacciare le noci da soli”, ha affermato il professor Koops.

Ha detto che la presenza di un modello da cui imparare sembra essere il pezzo mancante del puzzle.

“Le nostre scoperte sugli scimpanzé selvatici, i nostri parenti viventi più stretti, aiutano a far luce su ciò che è (e non è) che rende unica la cultura umana. In particolare, suggeriscono una maggiore continuità tra scimpanzé ed evoluzione culturale umana di quanto si pensi normalmente e che la capacità umana di cultura cumulativa potrebbe avere un’origine evolutiva condivisa con gli scimpanzé.

La ricerca è pubblicata sulla rivista Comportamento umano della natura.

Fonte: independent.co.uk

Articoli Correlati

Carica Altri Articoli Caricamento...Nessun altro articolo.