Europa

La Germania afferma che la Russia pagherà “un prezzo elevato” se attacca l’Ucraina

Il ministro degli Esteri tedesco ha avvertito la Russia che pagherà un “prezzo alto” se attacca l’Ucraina e ha detto che spera che le tensioni tra Mosca e Kiev possano essere risolte dalla diplomazia.

Il ministro Annalena Baerbock ha parlato lunedì a Kiev in un tour che la porterà a Mosca dopo che i colloqui tra Russia e stati occidentali sul dispiegamento del Cremlino di decine di migliaia di truppe lungo il confine ucraino si sono conclusi senza alcuna svolta.

Gli Stati Uniti hanno affermato la scorsa settimana di temere che la Russia stesse preparando un pretesto per invadere l’Ucraina, cosa che Mosca nega. Un attacco informatico contro l’Ucraina ha aumentato l’allarme.

“Ogni ulteriore atto aggressivo avrà un prezzo alto per la Russia, economicamente, strategicamente, politicamente”, ha detto la Baerbock in una conferenza stampa congiunta con il suo omologo ucraino Dmytro Kuleba. “La diplomazia è l’unico modo”.

Nonostante il dispiegamento al confine, Mosca nega di voler attaccare l’Ucraina e ha chiesto alla NATO di fermare la sua espansione verso est.

Il cancelliere tedesco Olaf Scholz, in visita a Madrid, ha affermato che occorre fare di tutto per evitare l’intervento militare in Ucraina.

Mentre parlavano, le forze militari e l’hardware russi stavano arrivando in Bielorussia dopo che Minsk aveva annunciato che i vicini avrebbero organizzato manovre congiunte il mese prossimo, agenzia di stampa statale Belta segnalato.

Le esercitazioni “Allied Resolve” si terranno vicino al confine occidentale della Bielorussia, ai confini dei membri dell’alleanza militare della NATO Polonia e Lituania e al suo fianco meridionale con l’Ucraina, ha affermato il leader bielorusso Alexander Lukashenko.

L’ucraino Kuleba ha affermato che Kiev e Berlino erano unite nel spingere per rilanciare i colloqui di pace a quattro per porre fine alla guerra nell’Ucraina orientale nel cosiddetto formato “Normandia”, che include Germania, Francia, Ucraina e Russia.

Esclusa da gran parte dei colloqui della scorsa settimana, l’Ucraina ha cercato e ricevuto rassicurazioni dagli alleati sul fatto che nessuna decisione sarebbe stata presa sul suo futuro senza il suo coinvolgimento e il suo consenso.

“Per noi è importante ora che né Berlino né Parigi prendano decisioni sull’Ucraina senza l’Ucraina e non giochino alle nostre spalle nelle relazioni con la Russia. Questa è la chiave ora”, ha detto Kuleba durante il briefing.

La Germania ha sostenuto l’Ucraina con aiuti e sostegno diplomatico nella sua situazione di stallo con Mosca da quando la Russia ha sequestrato la penisola di Crimea e ha sostenuto i separatisti nella regione del Donbass nel 2014.

Ma ci sono punti controversi.

L’Ucraina si oppone al Nord Stream 2, un gasdotto, ancora da aprire, che spedirebbe il gas russo alla Germania, aggirando il transito attraverso l’Ucraina. Baerbock ha affermato che il gasdotto era sospeso e non rispettava la legge europea sull’energia.

Kiev ha anche irritato il rifiuto di Berlino di vendere armi all’Ucraina. L’ambasciatore dell’Ucraina in Germania Andrij Melnyk ha definito la decisione “molto frustrante e amara” in un’intervista ai media tedeschi prima della visita della signora Baerbock.

Fonte: independent.co.uk

Articoli Correlati

Carica Altri Articoli Caricamento...Nessun altro articolo.